Quasi 150 mila i visitatori totali del nostro progetto “In viaggio con la storia del calcio”

Dall’inizio del “Viaggio”, sono già quasi 150mila le persone che hanno fatto visita alla mostra itinerante del Museo del calcio internazionale®, un terzo dei quali allievi delle scuole calcio giovanili.

La Direzione Nazionale AICS – Associazione Italiana Cultura Sport, in collaborazione con Museo del Calcio Internazionale®, tra febbraio 2018 e aprile 2019 ha promosso in 15 città d’Italia la mostra itinerante dal titolo “In viaggio con la storia del calcio – In mostra i cimeli del Novecento e dei Mondiali, dal ’30 ad oggi”.
La mostra itinerante è stata presentata ufficialmente alla stampa nazionale alla Camera dei Deputati il 20 febbraio scorso, alla presenza di istituzioni politiche e sportive tra cui Roberto Fabbricini commissario Figc, e ha visto la sua “prima” nazionale a Perugia, il 23 febbraio scorso. Da allora, la mostra ha fatto tappa a: Forlì (marzo 2018), Potenza (aprile 2018), Foggia (maggio 2018), Nocera Inferiore (maggio 2018), Jesi (giugno 2018), Chioggia (luglio 2018), Verona (settembre 2018), Firenze (Fortezza da Basso, settembre 2018), Padova (Palazzo della Ragione e PadovaFiere, ottobre-novembre 2018),  Sassari (dicembre 2018), Ostia (gennaio 2019), Bologna (marzo 2019), Abruzzo (aprile 2019).

Scopo dell’iniziativa è quello di promuovere la cultura sportiva, l’impegno di AICS sul territorio nazionale e locale per lo sport di base e l’educazione delle giovani generazioni ai valori dell’etica sportiva, quali il rispetto di sé, degli altri e delle regole. Per queste ragioni, l’esposizione itinerante ha previsto, in ogni tappa e con l’aiuto delle relative Amministrazioni comunali, il coinvolgimento delle scuole del territorio e la promozione di eventi collaterali che siano di sensibilizzazione e promozione sociale sui temi della coesione sociale, della lotta alle discriminazioni, dell’educazione alla condivisione.

L’evento è stato totalmente gratuito alla cittadinanza e ha determinato un rilevante impatto sul territorio, frutto del coinvolgimento degli Istituti comprensivi e del potere attrattivo dell’oggetto stesso della mostra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *